Copy Trade su Bitget - Tutorial completo

cover

Tutta la prima parte di questo tutorial spiega passo passo come creare un account su Bitget e come spostare i fondi all’interno di questa piattaforma.
Ovviamente ci sarà chi conosce già la procedura di trasferimento dei fondi con carta di credito, exchange o sistemi DeFi.
Se sei tra questi puoi saltare direttamente al paragrafo Trasferimento da conto Spot a conto Future e proseguire da li.
Se al termine del tutorial ritieni che ti sia stato utile e se intendi iscriverti a Bitget ti chiedo se puoi cortesemente iscriverti con il mio ref link
Ci sono vantaggi per entrambi se utilizzi il mio ref. Tu avrai uno sconto del 20% sulle fee delle transazioni.

Iscrizione

Bitget è uno degli Exchange in ascesa in questo ultimo periodo.
Tramite Bitget potremo eseguire tutte le classiche operazioni di trading sia spot che future ma non solo.
C’è la possibilità di utilizzare il sistema di grid bot, c’è la sezione earn e launchpool.
Ma ciò di cui vorrei parlare in questo tutorial è il Copy Trade di Bitget.
Fare trading e soprattutto operare in leva è tutt’altro che semplice.
Servono anni di esperienza e conoscenze di livello molto elevato per poter operare in tranquillità sui mercati senza farsi del male.
Possiamo, tuttavia, aggirare tutto questo utilizzando un sistema, quello del copytrading, che ci permette di copiare le operazioni di trader professionisti.
Ovviamente questo non significa che non ci siano rischi associati e, come sempre, serve capire come muoversi per evitare tali rischi.
Tuttavia questi, con le dovute precauzioni, si possono minimizzare.
In questo articolo voglio spiegarvi sia il funzionamento dettagliato del copy trade di Bitget ma anche come approciarsi ad esso nel senso di come evitare di farsi troppo male.
Tipologia di trader che seguiremo
Prima di tutto deve essere chiara una cosa. I trader che operano su Bitget lo fanno generalmente in leva molto elevate. Spesso 50X.
Tuttavia, pur se stiamo seguendo e copiando un trader, noi potremo impostare la leva che vogliamo e modificare qualsiasi impostazione in ogni momento.

Lo dice il nome stesso. Si tratta di copiare le operazioni di trading di altri trader della piattaforma.
Questo significa che quando il trader che copiamo aprirà una posizione su una determinata coppia di criptovalute o di token, automaticamente la apriremo anche noi.
Otterremo pertanto i suoi stessi risultati, ovviamente basati sul nostro capitale investito, sia che siano in guadagno che in perdita.

Ora la prima cosa che dobbiamo tener presente è che molto probabilmente il trader che stiamo copiando avrà un capitale molto maggiore del nostro.
Questo significa che potrà aprire anche molte posizioni contemporaneamente o nell’arco di poco tempo.
E date che queste operazioni vengono effettuate tutte in leva anche piuttosto elevata, per noi potrebbe essere molto rischioso aprire tutte le posizioni che apre il trader.
Nel peggiore dei casi potremo anche perdere tutto il capitale investito se non facciamo attenzione.
In questo articolo vi spiegherò come fare per evitare situazioni di questo genere.
E perché una volta scelto il trader giusto da seguire e adottate le misure di sicurezza si possono avere ottimi risultati.

Vediamo di procedere passo passo. Aldilà che si voglia utilizzare per il Copy trade conviene iscriversi a Bitget anche per le altre funzionalità. Inoltre in questi giorni, utilizzando il mio ref link avrete il 20% di sconto sulle fee per sempre e non solo. Registrandovi all’evento che scade il 7 ottobre avrete in regalo una mistery box

Innanzitutto dovremo registrarci a Bitget.
Se questo articolo ti sarà utile ti chiedo di iscriverti tramite il mio referral link.
Ci saranno vantaggi per me ma anche per te.
La registrazione tramite il mio referrall ti permetterà, infatti, di risparmiare il 20% sulle commissioni di Bitget per sempre.
La registrazione non richiede KYC dato che non potremo depositare direttamente valuta Fiat nella piattaforma (ma vedremo che è possibile farlo tramite sistemi di terze parti che troviamo all’interno della piattaforma stessa).
Iscrizione

Una volta terminata la registrazione potremo utilizzare la piattaforma.
La prima cosa che dovremo fare sarà quella di depositare dei fondi.
Potremo optare per varie soluzioni:

Potremo depositare degli euro tramite sistemi di terze parti oppure potremo depositare delle crypto che deteniamo magari in un altro exchange o in un wallet.
Per depositare i fondi rechiamoci alla voce Acquista crypto.

acqui1

Se vogliamo depositare dei fondi in valuta fiat (euro) clicchiamo su Pagamento di terze parti.
In questo caso potremo scegliere di utilizzare i sistemi proposti.

Dovremo selezionare Eur nel campo valuta fiat e la somma che vogliamo depositare.
E nel campo di fianco dobbiamo scegliere la cryptovaluta o il token da acquistare e che verrà depositata nel nostro conto spot.
Fatto questo dovremo selezionare uno dei 3 sistemi proposti, sistemi che permettono le transazioni tramite i circuiti più comuni.

Se invece vogliamo depositare criptovalute o token che deteniamo, per esempio, su un altro exchange o su un wallet personale, per prima cosa dovremo creare un wallet con relativo address, della criptovaluta o del token che vogliamo depositare.
Tornando sulla schermata Acquista crypto Clicchiamo su Deposito.
Potremo depositare diversi token. Di default, tuttavia, la voce attiva sarà BTC. Se vogliamo depositare Bitcoin ok altrimenti possiamo scegliere un altra cripto dalla lista che comparirà cliccando sulla voce BTC.
Per questo tutorial utilizzerò il token USDT.
Quale che sia la vostra scelta ora viene la parte più importante nonché quella a cui prestare maggior attenzione riguardo la sicurezza, dato che da questo dipende la buona riuscita del vostro deposito.

La scelta più importante in questa fase è quella della chain. La chain di destinazione, e cioè quella che sceglieremo ora per il deposito, dovrà successivamente essere la stessa della chain da cui preleveremo i fondi. Per scegliere la chain clicchiamo nel campo nome della catena.
Per quel che riguarda il token USDT il mio consiglio è di scegliere la chain TRX(Trc20) dato che trattasi della chain di Tron che sappiamo essere molto veloce ed economica.
Una volta scelta la chain, verrà automaticamente creato il vostro address per la gestione del token USDT.
Possiamo visualizzare l’indirizzo del nostro wallet alla voce indirizzo deposito. Quest’address sarà ciò che ci servirà per depositare gli USDT su Bitget.
Attenzione che se cercate di deposiatare altri token o altre crypto che non siano USDT su questo address perderete i fondi.
Per ogni tipologia di token che vorrete depositare dovrete creare un suo address con una sua chain ben definita.
Fatto questo per ora su Bitget abbiamo finito. Spostiamoci dove deteniamo i fondi.
002

Potremo spostare i fondi verso Bitget sia dalla DeFi che da un altro exchange.
Per quel che riguarda la DeFi dovremo assicurarci che sia sulla chain di Tron dato che abbiamo scelto la chain TRX(TRC20).
Spostare USDT dalla rete Ethereum, per esempio, in questo caso ci farebbe perdere i fondi.
Ma qui servirebbe un tutorial sul funzionamento delle chain e della DeFi. Pertanto consiglio a chi non è ferrato sull’argomento di utilizzare un altro exchange.
Come esempio utilizzerò Binance ma ovviamente potremo utilizzare diversi exchange come Kucoin, FTX ecc e la procedura sarà simile.
Entriamo su Binance e clicchiamo su Wallet Spot
003

Cerchiamo il token USDT e clicchiamo sulla voce prelievo.

Do per scontato che abbiate una somma in USDT. In caso contrario prima dovrete convertire dei fondi in USDT.
Una volta cliccato su prelievo si aprirà la seguente schermata:

Alla voce indirizzo inseriamo l’indirizzo precedentemente creato su Bitget per il deposito.
Selezioniamo la chain assicurandoci che sia Trx (trc20), inseriamo l’importo che vogliamo prelevare da Binance e infine clicchiamo su prelievo.
Ci verrà chiesto di controllare la correttezza dei dati e varie procedure di sicurezza (autenticazione a 2 fattori).
Completiamo tutte le fasi riguardanti la sicurezza dopodiché partirà la transazione e dopo pochi minuti i nostri USDT arriveranno su Bitget.

Ora torniamo su Bitget e clicchiamo su Asset.
Alla voce “Conto Spot” possiamo visualizzare i nostri USDT.
Tuttavia per poterli utilizzare per il copy trade dovremo spostarli alla voce Future.
Per farlo dovremo selezionare la voce trasferimento.
Si aprirà la seguente schermata:
006

Dovremo spostare gli USDT che vogliamo dedicare al copy trade da SPOT a USDT-M.
Ci basterà digitare l’importo che desideriamo spostare e poi confermare.
Una volta fatto potremo visualizzare l’importo sotto la voce Future e potremo finalmente utilizzare la funzione di Copy trader.

Ora a livello di fondi siamo pronti per iniziare. Tuttavia lo dobbiamo essere ancor di più a livello di conoscenza dato che i rischi altrimenti sarebbero elevatissimi. Perciò prima di agire svisceriamo per bene la sezione Copy trade e cerchiamo di capire il significato delle varie voci.
Clicchiamo su Copy trade (informazioni sul copy trading). Si aprirà la sezione Top trader.
La prima cosa che salta all’occhio sono i trader visibili in prima pagina.
Che però, a differenza di ciò che dice il titolo, non sono i Top trader.
E qui dovremo subito prestare molta attenzione.
I primi della lista vanno evitati. Probabilmente sono sponsorizzazioni dato che compaiono nei primi posti pur se i loro numeri, in termini di risultati, sono tutt’altro che degni di nota. Vedremo pian piano quali sono i vari parametri per scegliere i trader più affidabili.

Analizziamo il riquadro seguente come esempio.

007

Già nel riquadro di presentazione possiamo visualizzare alcuni dati piuttosto interessanti.
Oltre al nickname del trader potremo visualizzare gli slot che può dedicare ai suoi follower. In questo caso gli slot sono 500.
Questo significa che potrà essere seguito e copiato al massimo da 500 utenti ed infatti nel riquadro a destra c’è scritto complete… In questo caso non ci sono slot liberi e pertanto se volessimo copiarlo dovremo aspettare che si liberi almeno uno slot. Quando ci saranno slot liberi non ci sarà più scritto completo ma ci sarà la voce segui.
Ciò che balza all’occhio è il ROI di 344% e cioè il ritorno dell’investimento. E’ ciò che ha guadagnato in percentuale fino a questo momento.
Le altre voci sono P&L totale e cioè profitti e perdite totali fino a questo momento, Fotocopiatrici PNL, dato che indica i profitti o le perdite dei suoi seguaci ed infine la voce AUM e cioè l’importo del suo investimento.

I filtri

Assieme a valutazione (filtro di default) e follower, gli altri 3 filtri che compaiono nella pagina Top trader e di cui ho appena parlato sono le scelte che possiamo fare per ricercare il trader giusto da seguire.
Cliccando per esempio su ROI otterremo la lista dei trader in ordine di ROI (a parte i soliti primi della lista a prescindere come accennato sopra).
Ognuno può scegliere chi seguire in base alle sue preferenze tuttavia ritengo che sia piuttosto probabile che i veri trader professionisti siano quelli che hanno un capitale investito di un certo rilievo (filtro AUM).
Dopodiché andrei ad analizzare i risultati veri e propri.
Come vedremo dentro alla loro scheda potremo analizzare tutte le operazioni che hanno eseguito e vederne i risultati. Questo ci aiuterà molto nella scelta.
Clicchiamo sulla scheda del trader per entrare nella sua pagina ed analizzarla per bene.

Innanzitutto qui troveremo il pulsante promemoria slot. Questo pulsante sarà presente nelle pagine dei trader con tutti gli slot già occupati e ci permetterà di farci arrivare un avviso quando qualche slot sarà di nuovo libero. A tal proposito, l’avviso non vi arriverà sulla mail ma nelle notifiche del sito presenti in alto a destra.
Nella sezione Dati ciò che ci interessa molto sono le transazioni. Troveremo il numero delle transazioni totali, di quelle terminate in guadagno e di quelle terminate in perdita. Come possiamo vedere in questo caso su 8790 transazioni ben 8081 sono andate a buon fine e 709 in perdita. Non deve comunque bastarci questo dato per sceglierlo ma è già un buon punto di partenza.
Sotto alla sezione dati troviamo le voci grafico, ordini e seguaci.
Il grafico di sinistra si riferisce al ROI visualizzato, appunto come grafico e si potrà guardare a 7 giorni, ultime 24 settimane, un mese ecc…
Quello di destra indica i suoi guadagni o perdite.
Tuttavia la voce più importante da controllare è Ordini. All’interno di ordini potremo visualizzare sia le transazioni delle operazioni già chiuse che quelle ancora aperte.
Clicchiamo su ordini e ci troveremo nella sezione cronologia.

Qui ci saranno tutte le operazioni concluse con tanto di tipologia e cioè su quale coppia è stata eseguita l’operazione e se in long o in short, il prezzo di apertura e di chiusura e la percentuale di guadagno o perdita effettuata.
Appena a destra della voce cronologia troveremo la voce copy trade. Al suo interno troveremo una schermata simile ma con tutte le operazioni ancora aperte.
La voce seguaci indica i seguaci in base al profitto ottenuto seguendo questo trader.
Scendiamo un pò e troviamo altri grafici.
Quello riguardante le coppie su cui questo trader preferisce operare e la durata della posizione per ogni transazione.
Infine in basso troviamo un dato molto importante che ci fa capire quanto è attualmente attivo il trader.
Nel grafico Volume di scambio possiamo vedere quanti volumi ha scambiato negli ultimi 7 giorni, un mese ecc…

Una volta che avremo identificato il trader da seguire e copiare e dopo esserci assicurati che abbia slot liberi, entriamo nella sua scheda e clicchiamo su segui.
Dobbiamo tener presente che il trader guadagna una percentuale dei nostri guadagni, generalmente il 10%, e pertanto è evidente che non possiamo solo seguirlo per accaparrarci uno slot. Il trader avrà facoltà di buttarci fuori se non eseguiamo delle operazioni di copia.
Dovremo pertanto dedicare una quota del nostro portafoglio future alla copia del trader.
Se gli dedichiamo almeno 100 USDT non potrà più buttarci fuori.
Analizziamo la schermata che si aprirà dopo aver cliccato su segui per capire come procedere a far partire la copia (prima di farlo leggete l’articolo fino in fondo con tutti i suggerimenti sulla sicurezza mi raccomando).


Sotto il nome del trader potremo visualizzare la percentuale che gli spetterà dei nostri gain.
Sulla destra ci sarà il pulsante Switch to advanced che analizzeremo in seguito.
Sotto possiamo vedere tutte le coppie su cui lui potrebbe operare. Possiamo decidere anche di deselezionare quelle che non ci interessano.
Le voci più importanti sono Modalità segui e Risk management. Prima di spiegarvele, tuttavia, simuliamo anche l’importo che vogliamo dedicare al copy trade.
Supponiamo che io decida di dedicare 1000 USDT al copy trade.
Tramite il trasferimento, come visto in precedenza, dovrò spostarli dal conto spot al conto future.
Una volta che i 1000 USDT si troveranno nel conto future saranno l’ammontare massimo che potrò usare per le varie operazioni di questo tipo.
Quando copio un trader devo tenere presente che lui, avendo molti più soldi potrebbe permettersi di aprire molte operazioni. E questo potrebbe, per noi, diventare un problema non indifferente dato che sono operazioni in leva.
Perciò prima di copiare un trader dobbiamo fare dei calcoli.
Prima impostiamo ipotetici valori e poi facciamo un attimo di calcoli.
Alla voce modalità segui inserisco 10 USDT
Su risk management di default ci sarà 5000 USDT ma a noi che abbiamo solo 1000 USDT non va bene.
Per modificare quel valore clicchiamo sulla freccetta che si trova di fianco a massimo seguito.
Si aprirà la seguente schermata in cui troveremo 3 campi che possiamo compilare.

Il primo in alto si riferisce allo stop loss. Qui possiamo impostare la percentuale massima di perdita sopra la quale vogliamo chiudere automaticamente la posizione. Ovviamente sempre riferita alla leva.
Il campo al centro è l’opposto e cioè il take profit. La percentuale di guadagno raggiunta la quale vogliamo chiudere automaticamente la posizione.
La voce che però ci interessa di più in questa fase è il campo in basso e cioè massimo seguito.
Questo ci permette di impostare il massimo importo che vogliamo dedicare all’aperura totale di ordini per questo trader. Occhio che non significa che sarà il massimo che possiamo perdere comunque.
Impostiamo 100 USDT.
Fatto questo clicchiamo su successivo, confermiamo e appena il trader aprirà una posizione lo faremo automaticamente anche noi.
Ma adesso cerchiamo di capire cosa succede con un impostazione di questo tipo e quanto possiamo perdere al massimo se le cose andassero proprio male.
I 10 USDT stanno a significare che per ogni operazione aperta dal trader noi ne apriremo una con le stesse caratteristiche (coppia e leva) con un importo di 10 USDT.
I 100 USDT di massimo seguito indicano che potremo aprire al massimo 10 operazioni di copia contemporaneamente su ogni coppia aperta da questo trader.
Ma perché dovremo mettere un limite di questo tipo?
Supponiamo che il trader apra un ordine BTC-USDT long a 50X quando BTC vale 20.000 USDT.
Lui punta al rialzo. La leva a 50X significa che pur se abbiamo messo in ballo 10 USDT l’effetto di guadagno o perdita andrà moltiplicato per 50 volte. Pertanto è come se avessimo puntato 500 USDT.
Se Bitcoin cresce dell’1% avremo un guadagno dell’1% ma su 500 USDT (5 USDT).
O possiamo vederla anche così. Avremo un guadagno del 50% sui 10 USDT investiti. Il risultato non cambia. Gudagneremo 5 USDT.
Ma questo vale anche all’inverso. Se Bitcoin perde l’1% noi avremo la perdita di tale percentuale su un controvalore di 500 USDT. Perdità che corrisponderà a 5 USDT.
Ogni punto percentuale corrisponderà ad un guadagno o a una perdita del 50%.
Perciò dobbiamo prestare molta attenzione a non esagerare se non abbiamo grosse cifre.
Se lasciassimo come massimo seguito una cifra troppo elevata potremo trovarci aperte decine e decine di operazioni e se queste diventassero in perdita verremo liquidati e perderemo tutto.
Impostazioni avanzate
Cliccando su advanced to switch entreremo nelle impostazioni avanzate.
Qui potremo impostare vari parametri coppia per coppia per questo trader.
Potremo impostare il margine e la leva personalizzata, sia in long che in short, a partire da un 2X e fino a 125X. Il margine si riferisce al massimo seguito di cui ho parlato sopra.

Sull’apertura delle posizioni
Dobbiamo anche tenere in considerazione che il trader avrà dei limiti minimi e massimi di volume per coppia.
Può capitare che una volta raggiunti i limiti massimi non riusciamo più a copiare le nuove posizioni che sta aprendo.

Per tenere sotto osservazione i risultati dovremo tornare nella pagina principale del copy trade e cliccare sul riquadro in alto a destra, quello con gli asterischi che coprono gli investimenti e i profitti.

013

Una volta dentro potremo visualizzare diversi tipi di dati.
In primo piano potremo visualizzare il capitale investito nelle operazioni e il guadagno o la perdita.
L’eventuale guadagno, tuttavia, non tiene conto delle fee e della percentuale spettante ai trader che stiamo copiando e pertanto il guadagno netto sarà minore.
Più in basso potremo visualizzare 4 sezioni.
Copy trade, cronologia, il mio operatore e seguire le informazioni
Nella sezione copy trade, che è quella che si aprirà di default troveremo le posizioni aperte, se ce ne sono.
Nella sezione cronologia troveremo tutte le nostre operazioni concluse.
Nella sezione il mio operatore potremo visualizzare tutti i trader che stiamo seguendo. Cliccando sul loro nome entreremo nella loro scheda e da li potremo visualizzare i loro dati. Cliccando, invece, su modifica potremo entrare nella sezione di modifica delle impostazioni di quel determinato trader. Potremo modificare i parametri assegnati in qualsiasi momento.
Nella sezione seguire le informazioni troviamo un riassunto delle nostre impostazioni di copia.

Si tratta sicuramente, se sfruttata con cognizione di causa e con una certa dose di freddezza (non è facile rimanere sereni di fronte a certe percentuali in perdita pur se ancora temporanee) di un sistema che potrebbe far portare a casa buoni risultati, se seguiamo un trader capace.
Tuttavia dovremo prestare attenzione a molte più cose di quelle che sembrerebbe nella scelta del trader.
Dobbiamo tener presente che i rischi di una leva elevata per il trader che stiamo seguendo potrebbe non essere un problema ma per noi potrebbe invece esserlo. Perciò uno dei parametri più importanti che dovremo controllare è la frequenza con cui un trader apre posizioni e a che livello le apre. Mi spiego con un esempio.
Supponiamo che un trader entri long sulla coppia BTC-USDT quando BTC è a 20.000 USDT. Supponiamo ora che BTC inizi a calare. Se il trader apre una seconda posizione long a 19.990 e poi un altra a 19980 ecc ecc significa che può permettersi di continuare ad aprire posizioni fino a quando BTC inizierà a risalire. Supponiamo che BTC continui a scendere fino a 19.000 USDT. Lui magari avrà aperto una cinquantina di posizioni long. Di conseguenza anche noi avremo aperto molte posizioni long. Quante dipende dal budget impostato come spiegato in precedenza. Il problema è che noi, non avendo un budget sufficente per aprire tutte le posizioni long aperte dal trader, ci troveremo ad aver aperto solo le prime posizioni long che aveva aperto in precedenza e cioè quelle vicine ai 20.000 USDT. Tutte quelle, ovviamente, con la perdita maggiore, anche se non ancora permanente.
Pertanto io starei piuttosto attento anche a questo fattore.
Un altro fattore importante, che per il trader potrebbe non essere un problema ma per noi si, è la sua strategia di chiusura dei risultati in perdita. Se fa molti guadagni del 20, 30 o 40% va bene ma se poi i pochi in perdita sono del 300 o 400% comincia a diventare discutibile la sua strategia. Nel senso che siamo di fronte ad un trader che tende ad aspettare forse troppo prima di chiudere una posizione in perdita, probabilmente perché tende a sperare in una risalita sempre basandosi sulla quantità delle proprie risorse e non certo di chi lo sta seguendo. Tornando all’esempio precedente supponiamo che lui abbia acquistato BTC-USDT a 20.000 e che scenda dal 6 all’8%. Voi vi ritroverete con diverse posizioni in perdita anche del 300 o 400%. Ad un certo lui aprirà altre posizioni che voi però non potrete aprire dato che non avrete più i fondi sufficienti. Lui magari chiuderà poche posizioni in perdita ma se sono quelle in cui siete entrati voi la frittata è fatta.
Se scegliete un trader di questo tipo è senza dubbio meglio impostare uno stop loss.
Impostando uno stop loss e tornando all’esempio precedente chiuderemo tutte le posizioni di volta in volta che BTC cala ma con perdite limitate e poi apriremo di volta in volta le nuove posizioni che il trader aprirà più in basso con la possibilità di sfruttare i rimbalzi e le risalite.
Comunque studiando bene i trader che vogliamo copiare potremo renderci conto se loro stessi impostano uno stop loss. Il mio consiglio è di evitare trader che non lo utilizzano ed affidarsi a chi lo utilizza così i rischi diminuiscono anche per noi diminuiscono notevolmente.
Un altro suggerimento che posso dare e che magari può essere utile a qualcuno, soprattutto a chi vuole tenere sott’occhio in tempo reale il lavoro del proprio trader, è di controllare gli orari in cui questo opera. In questo modo possiamo capire anche da quale zona del modo sta operando. Potremo non voler affidarci a trader che operano quando da noi è notte inoltrata e se stiamo parlando di trader del sud est asiatico inevitabilmente sarebbe così. Ma se vogliamo poter intervenire durante il trade per chiudere magari degli ordini è meglio optare per trader che operano durante i nostri orari.
Infine sul numero di trader da copiare contemporaneamente. Dipende dal budget a disposizione. Ovviamente seguire più trader contemporaneamente comporta il rischio di apertura di molte più operazioni giornaliere. Perciò attenzione. Se avete capito gli esempi precedenti avrete anche la risposta a questa domanda. Poi ovviamente ognuno è libero di agire come meglio crede. Io cerco solo di darvi le nozioni per minimizzare i rischi associati ad operazioni di questo tipo che sono, va ricordato, comunque sempre ad altissimo rischio.
In definitiva credo che sia un sistema adatto solo a chi ha propensione al rischio particolarmente alto, a chi ha un budget di soldi che può permettersi di perdere e a chi ha la freddezza necessaria di fronte a certe percentuali quando il colore è il rosso. Non di certo per tutti insomma.

Con questo direi concluso il tutorial.
Se ritieni che ti sia stato utile e se intendi iscriverti a Bitget ti chiedo se puoi cortesemente iscriverti con il mio ref link
Così facendo guadagniamo entrambi sconti sulle fee.
Iscrizione